skip to Main Content
Sylvio E Tony

Sylvio e Tony

Caro Tony,
qui è il tuo Sylvio Blairuscon che ti scrive e ti ringrazia. E’
un brutto momento per me. I sondaggi sulla mia popolarità sono in
calo, i miei sudditi guardano sempre meno la televisione e sono
sempre meno convinti della guerra. Forse cominciano a capire che
questa «perpetua libertà», per noi regnanti, è un ottima
occasione per fare in perpetua libertà i comodacci nostri e
liquidare il fastidioso inconveniente della democrazia.
Noi ci give to make, ci diamo da fare. Stiamo spargendo ondate di
salutare panico nel paese, abbiamo militarizzato le televisioni,
ma la gente resiste, e se bin Laden non fa un nuovo attentato, la
mia audience personale e quella della guerra scenderanno ancora.
Ma Osama, invece di fare il terrorista, continua a giocare coi
videoclip. E come sono brutti! Ci vorrebbe almeno un direttore
delle luci che gli tolga le rughe, e poi che miseria quella
parete nuda sullo sfondo, senza neanche uno sponsor. E’ proprio
vero, anche nei video l’Occidente è superiore all’Islam.
E in questo horsing of inconvenients, accavallarsi di guai, c’è
stato anche il mio incidente diplomatico con Bush. Ero così
contento del nostro incontro alla pari (stavolta i piatti li ho
solo asciugati), che gli ho mandato due righe per ringraziarlo.
Purtroppo ero così emozionato che mi è caduto nella lettera un
po’ di fard. Quando alla Bianc House l’hanno aperta hanno temuto
un nuovo tipo di carbonchio cipriato, ed è successo il finimondo.
Bush si è incazzato.
Ha detto che da quando si è aperta la pista interna dei
neonazisti americani, del carbonchio bisogna parlare con cautela
e soprattutto non rivelare nulla sulle indagini. Quante storie
per un po’ di guerra biochimica, c’avesse lui la Montedison!
Ero down, very downing. Poi il tuo invito mi ha risollevato il
morale. Mi è piaciuta molto la tua casa. Come hai visto, al
dinner mi sono comportato bene ed ero a mio agio, anche se il
bavaglio mi stringeva un po’. Una sola cosa mi ha fatto
incazzare: come mai i rappresentanti dei Paesi Bassi sono così
alti? Mentitori, comunisti, fiamminghi! Comunque not ostant i
sondaggi e le persecuzioni della stampa mi riprenderò. D’Alema mi
ha detto che sono come l’Araba Fenice, ma io gli ho subito
risposto che non tollero insulti. Per fortuna quelli dell’Ulivo
si stanno dimostrando ragionevoli. Hanno deciso che sono contro
la guerra, ma la prossima. E’ da dieci anni ormai, che fanno
così.
Dear Tony, è una situazione difficile. Tutti straparlano, il mio
fedele predecessore Ciampi ha detto che ci vuole un tricolore per
ogni casa. Non mi aveva avvertito prima e ho dovuto stampare in
tutta fretta dieci milioni di bandiere da vendere insieme a
quelle del Milan. In quanto all’Airbus lo costruirà la Fininvest
e io potrò usarlo nei week-end. Mi sembra una soluzione
ragionevole. Ma naturalmente stiamo pensando soprattutto alla
sicurezza interna, perché Scajola ha detto che dovremo avere
paura per un mese esatto (dopo c’è lo shopping di Natale). E
naturalmente dovremo difendere l’obiettivo principale
dell’immancabile e previsto attentato. Il simbolo in cui i veri
italiani riconoscono le radici più profonde della loro patria.
Quello dove abita il loro capo spirituale, simbolo divino in
terra, il luogo sacro della cristianità contro l’Islam, ove pulsa
il centro della fede e dove Dio ha scelto il suo rappresentante
davanti a tutti gli uomini.
Sto naturalmente parlando della mia villa di Arcore.
Diecimila uomini e trecento missili la difenderanno, e ho fatto
piazzare anche una portaerei in mezzo al prato. E’ stato costoso
e difficile trasportarla, e probabilmente, per evitare ulteriori
spese a carico dei contribuenti, la lasceremo lì (Petersylvio
dice che va benissimo per fare dei parties).
Perciò ti saluto e ti ringrazio Tony. Anche se sei un po’ di
sinistra, sei un bravo ragazzo, e sono lieto di combattere cheek
to cheek con te questa guerra che facciamo finta di poter
controllare e limitare. Spero di poter fare un altro dinner con
te senza quelli dei Paesi bassi, e poter perfezionare il mio già
perfetto inglese. A proposito, perché mi hai detto che i tuoi
avversari politici sono i tori? Cos’hanno di diverso dai tori
italiani? E perché scrivete tory con la y? Un virile e
cameratesco abbraccio, spezzeremo le reni all’Islam e alla
perfida Albione. God save the Pooh (che da noi sono molto più
conosciuti dei Queen).
Your Sylvio.

Back To Top