Stefano Benni presenta... Asino chi non legge

[ Sito “Validato W3C” — Risoluzione 800×600 — Hosting: OVH.it — WebMaster: Fabio Poli — e-mail: info@stefanobenni.it ]

Asino chi non legge Nella mia lunga carriera di bambino, di scrittore, di visitatore di scuole, di insegnante, molto raramente ho incontrato bambini che non avessero voglia di leggere, scrivere, inventare.
Per far passare la voglia di leggere a un bambino ci vuole un adulto (genitore, maestro, creatura televisiva, amico di famiglia) il quale abbia voglia di far passare la voglia di leggere ai bambini. Spero di non diventare mai uno di questi adulti.
Nel mio mondo di scrittore i bambini-lettori sono molto importanti.
So di averne. E ciò mi rallegra.
A loro è dedicata questa piccola istigazione alla lettura.
Stefano Benni

ISTRUZIONI PER L’USO
Per godere dei disegni di Stefano Benni nello splendore dei 400×400 pixel, cliccare sulle immagini che si vogliono ingrandire.

a
asino
Asino
Asino chi non legge.
b
balena
Balena
Una domanda strana:
ci stanno più balene dentro un libro
o più libri dentro una balena?
c
Carlo il tarlo
Carlo il tarlo
Il tarlo Carlo era roso da un tarlo:
scrittori si nasce o si diventa?
e a forza di domandarlo
morì senza diventarlo.

d
drago
Drago
Il drago mangia i libri
e ci fa il fuoco.
Poi si lamenta
che durano poco.
e
elefante
Elefante
L’elefante dice
“Non leggo e me ne vanto”.
Ma non ti dice
che si annoia tanto.
f
fuori tema
Fuori tema
Se fuori dal tema
c’è quel che ti piace
non c’è problema:
tu parti subito
per Fuori Tema.

g
giù
Giù
Giù nel mare
del pesce intelligente
usano come esca
le pagine di Dante.
h
Holmes
Holmes
Bracco Holmes
sa che si annidano
misteri e enigmi
in tutti i libri
ma senza leggerli
come fai a scoprirli?
i
il libro
Il libro
Il libro è sporco e sgualcito?
Buon segno, vuol dire che l’hai letto.
Quel libro è il tuo preferito.

l
lupo
Lupo
Il lupo ogni notte
ulula a più non posso
la sua versione di Cappuccetto Rosso.
m
mosca
Mosca
La mosca si posò
sul televisore
e trovò subito
un grosso editore.
n
nostromostro
Nostromostro
Il mostro, dopo la lettura,
diventa nostro
e non fa più paura.

o
orsacchiotto
Orsacchiotto
Dice la legge del saggio orsacchiotto:
meglio un bel libro al cesso
che un libro di merda in salotto.
p
pellicano
Pellicano
Il pellicano intellettuale
porta alla prole
ogni due pesci un giornale.
q
il quaqquapicozincolozario
Il quaqquapicozincolozario
Il quaqquapicozincolozario
ha scritto un libro straordinario
in quaqquapicozincolozariano.
Qual è il titolo strano
del libro straordinario
del quaqquapicozincolozario?

r
rospo
Rospo
Il rospo letterato
dice che si scrive troppo
e per sostenerlo ha scritto
libri centoventotto.
s
serpente
Serpente
Il serpente si legge la coda
e dice: “Ma che fantasia!
Come vorrei che fosse la mia”.
t
tartaruga
Tartaruga
La tartaruga rilegge tre volte:
una per sé,
due per capir cos’è
e la terza per raccontarla a te.

u
il guuuufo
Il guuuufo
Il gufo dice “U”
e la classe ripete.
Che noiosa è la scuola
con una lettera sola!
v
video
Video
Audio, navigo, video
è un mondo da esplorare,
ma senza dimenticare
sentire, viaggiare, guardare.
z
zanzara
Zanzara
Chi dentro a un libro
schiaccia una zanzara
non fa cultura
ma schiva una puntura.